Quali metriche Facebook verranno rimosse?

A partire da luglio 2018, con la prossima versione dell’API Graph, la piattaforma procederà con la rimozione di alcune metriche Facebook che risultano poco usate, obsolete o non fruibili.

Eliminare per operare al meglio, questa sembra sia la politica di Facebook da qualche settimana. La rimozione di queste metriche permetterà di raggiungere con maggiore facilità quelle più adatte:

  • misurazione dei risultati aziendali
  • alla comunicazione di dati statistici fruibili su creatività, pubblico e strategie di ottimizzazione
  • allo snellimento del processo di verifica degli obiettivi

metriche facebookLe features Facebook quali dati producono per gli editori?

Analizzando ciò che descrivono i Dati Audiweb sull’ultima survey “Audience dei contenuti editoriali fruiti in applicazione mobile di Facebook” appare chiaro quanto comprendere a pieno le azioni delle persone sulla piattaforma sia di fondamentale importanza.

Audiweb rileva i dati delle applicazioni mobile tramite la metodologia standard, ma la fruizione dei contenuti editoriali visti mediante browsing in-app e/o Instant Articles dell’applicazione mobile di Facebook non è attribuita all’editore che ne è titolare, ma di fatto alla piattaforma. In queste ultime settimane sono diverse le azioni a favore degli editori, come ad esempio la possibilità di marcare con i Breaking Tag le notizie dell’ultima ora e fissarle in alto nel Feed, in tempo reale.

Attraverso l’analisi di Audiweb è stato possibile attribuire correttamente i dati di consumo dei contenuti editoriali in queste due precise features Facebook.

Per ciascuno dei Brand iscritti alla survey, i dati rilevati indicano:

  • il volume totale mensile di pagine viste all’interno dell’applicazione Facebook per dispositivi mobili mediante browsing o Instant Articles;
  • il numero di utenti che nel periodo di rilevazione hanno fruito di almeno una pagina oggetto della rilevazione;
  • le pagine viste per persona nel periodo di rilevazione;
  • la distribuzione per genere e fasce di età degli utenti e delle Pagine oggetto della survey.

Gli editori coinvolti alla Survey di Dicembre 2017 di Audiweb sono: 21st Century Fox, Athesis Editrice, Caltagirone Editore, Ciaopeople, Conde Nast Digital, Editoriale il Fatto, Gruppo De Agostini, Gruppo GEDI, Il Post, Il Sole 24 ore, Mediaset, Mondadori, RCS MediaGroup, Sky Italia e Triboo.

Ne sono derivati dati di indubbio interesse che permettono di comprendere quanto sia necessario approfondire il nesso tra  piattaforme social, in questo caso Facebook, contenuti editoriali ed editori.

metriche facebook

Quali sono le metriche Facebook che verranno eliminate?

Di seguito sono elencate le metriche Facebook che verranno rimosse a partire da Luglio 2018 per rendere dati più utili agli advertiser e per offrire un contesto di riferimento più preciso per il monitoraggio delle strategie digitali.

  • Azioni, questa metrica rappresenta l’insieme di varie metriche di analisi, come interazioni, clic o conversioni. Facebook introduce metriche più precise per analizzare le azioni degli utenti, è bene quindi, personalizzare le tue metriche composite in base alle azioni più importanti per la tua azienda anziché usare la metrica Azioni.
  • Spesa di oggi, meglio utilizzare lo strumento di selezione della data per comprendere l’importo speso per la tua campagna, anche in relazione all’intervallo di date oggetto di analisi.
  • Clic sul pulsante, mostra il numero di volte in cui le persone hanno cliccato sul pulsante di call to action nella tua inserzione pubblicitaria Facebook. È una metrica ridondante, meglio usare Clic sul link, Risposte agli eventi o Offerte salvate anziché Clic sul pulsante.
  • Percentuale di tempo per componente dell’unità Canvas, metrica non troppo utilizzata sostituita da Tempo di visualizzazione di Canvas e Percentuale di visualizzazione di Canvas.
  • Immagine del carosello, in relazione a questa metrica Facebook non supporterà più i dettagli relativi alle conversioni (ad es. Conversioni sul sito web) e per metriche calcolate come CTR. Riusciremo a visualizzare ancora la metrica Clic sul link suddivisa per Immagine del carosello e vedere i risultati delle conversioni senza i dettagli di Immagine del carosello.
  • Destinazione del clic sul link, gli advertiser possono ancora usare le metriche Click in uscita e Visualizzazioni della pagina di destinazione per misurare quali sono i clic che rimandano le persone a destinazioni al di fuori di Facebook.
  • Conversioni delle azioni nell’app mobile, meglio usare specifiche conversioni delle azioni nell’app (ad es. Conversioni degli acquisti nell’app mobile) invece di Conversioni delle azioni nell’app mobile.
  • Menzioni della Pagina, è una metrica obsoleta e non è indicativa della percezione positiva o negativa nei confronti del tuo brand.
  • Visualizzazioni della tab della Pagina, la metrica misura il numero di visualizzazioni delle tab della tua Pagina Facebook attribuite alle tue inserzioni. Se stai pubblicando una campagna per aumentare i “Mi piace” della Pagina, meglio usare la metrica “Mi piace” sulla Pagina o la metrica Interazione con la Pagina, sono più indicative del successo della campagna stessa rispetto a Visualizzazioni della tab della Pagina.
  • Feedback positivi, Feedback negativi: il Punteggio di pertinenza ricorre già ai segnali di Feedback positivi e Feedback negativi, gli input e la capillarità data dai feedback negativi e positivi crea più confusione che dati statistici utili, quindi meglio utilizzare il Punteggio di pertinenza.
  • Copertura social, le metriche social come Copertura social, Impression social o Click social sono metriche obsolete e poco utili. Meglio utilizzare la metrica Copertura e Impression per valutare le prestazioni della tua campagna.

Newsletter

Ti ricordo che puoi acquistare Facebook Marketing Pro, il libro edito da Hoepli che ho scritto insieme a Cristiano Carriero, sul sito Hoepli, su Amazon o nella libreria della tua città.

Monia Taglienti

Monia Taglienti

Nasco con le parole nella testa e continuo con le parole tra le mani. La Laurea in Comunicazione è stata solo il punto di avvio di un amore destinato a non finire mai. Social Media Manager, Web Content Writer, Social Media Strategist e Social Media FoodMarketer.
Monia Taglienti
Post by Monia Taglienti

Nasco con le parole nella testa e continuo con le parole tra le mani. La Laurea in Comunicazione è stata solo il punto di avvio di un amore destinato a non finire mai. Social Media Manager, Web Content Writer, Social Media Strategist e Social Media Food Marketer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *