Facebook testa il Feed Notizie che premia la verità

Facebook e le Fake News è un annoso problema che la piattaforma sta combattendo già da diverso tempo. Recentemente Facebook ha annunciato un importante cambiamento nella priorità che darà agli articoli nel feed. Facebook non ordinerà più i contenuti in base al coinvolgimento, ma mostrerà agli utenti per prima i contenuti con rapporti e fonti più originali.

Mentre la maggior parte delle notizie nei feed degli utenti provengono ancora da pagine e amici che questi seguono su Facebook, Facebook sta cambiando il suo algoritmo AI per identificare le fonti di notizie originarie. “Lo facciamo guardando gruppi di articoli su un particolare argomento della storia e identificando quelli citati più spesso come fonte originale. Inizieremo identificando i rapporti originali nelle notizie in lingua inglese e faremo lo stesso per le notizie in altre lingue in futuro” ha recentemente affermato la piattaforma attraverso un suo esperto.

Facebook afferma che invece di dare la priorità ai contenuti delle notizie che riscuotono il maggior coinvolgimento da parte degli utenti, il colosso dei social media mostrerà prima agli utenti i report più originali. “I report originali svolgono un ruolo importante nell’informare le persone di tutto il mondo“, ha dichiarato Campbell Brown, vicepresidente di Global News Partnerships, e Jon Levin, Product Manager.

Facebook e le Fake News

Quindi, in sostanza, se un certo numero di post su Facebook citano uno stesso argomento ma provengono da più fonti, sembra che il nuovo algoritmo dell’azienda eliminerà più articoli scritti sullo stesso argomento per vedere se hanno tutti lo stesso link alla stessa fonte, mantenendo solo quella originaria.

Anche se questo è un buon modo per rintracciare le informazioni fino al punto di origine, non affronta ancora il problema delle fonti di notizie affidabili o inaffidabili. Il nuovo algoritmo potrebbe comunque dare la priorità a articoli fuorvianti o fake news se un numero sufficiente di pubblicazioni indicasse la stessa fonte, spammare articoli intorno a un’unica fonte per l’amplificazione è una tattica comune per gli editori poco attenti alla comunicazione vera e tanto inclini alla sola regola del traffico su siti web. Tuttavia, Facebook ha in programma di ridurre il contenuto delle notizie se non dispone di “informazioni trasparenti sulla redazione dell’editore”.

Facebook e la nuova funzione remainder

Facebook ha recentemente annunciato che aggiungerà una notifica alle notizie più vecchie di 90 giorni se un utente provasse a condividerla con il proprio profilo. Facebook ha annunciato che inizierà a mostrare una schermata di notifica, facendo sapere agli utenti che stanno condividendo un articolo che ha più di 90 giorni. La società ha ammesso che questa sarà una feature utile non “fraintendere lo stato degli eventi attuali”.

Facebook Feed Notizie

Sicuramente è una funzione in definizione e agli inizi avrà non poche difficoltà, ma se non altro permette di rileggere un contenuto che si sta per condividere con la propria cerchia di amici o di follower in modo da far circolare solo notizie fresche e attuali. Fino a quando tutti i problemi non saranno risolti, si dovrebbe semplicemente smettere di seguire o eliminare le amicizie con le persone che da tempo non condividono ciò che vorremmo vedere o leggere.

 

Ti ricordo che puoi acquistare Facebook Marketing Pro, il libro edito da Hoepli che ho scritto insieme a Cristiano Carriero, sul sito Hoepli, su Amazon o nella libreria della tua città. Ti invito anche ad iscriverti al mio canale Telegram, cliccando sul banner, perché ogni giorno troverai contenuti originali e dedicati a Facebook, WhatsApp for Business, Instagram e tutta la famiglia degli strumenti Facebook Inc.

 

Newsletter

Monia Taglienti
Post by Monia Taglienti

Nasco con le parole nella testa e continuo con le parole tra le mani. La Laurea in Comunicazione è stata solo il punto di avvio di un amore destinato a non finire mai. Social Media Manager, Web Content Writer, Social Media Strategist e Social Media Food Marketer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.