Algoritmo Facebook: Cosa cambia e perché non devi preoccuparti?

Se da un lato il post di Zuckerberg sulla possibilità di un nuovo aggiornamento dell’algoritmo Facebook che premiasse di più i post di amici, parenti e gruppi e desse visibilità a Pagine sostenute dall’advertising, ha prodotto molta maretta nel settore digitale, dall’altro lato ha placato gli animi di coloro che da sempre auspicano ad una svolta del genere.

Nel suo post, Zuckerberg spiega, che per anni si è costruito Facebook per aiutare a rimanere in contatto o avvicinarsi alle persone che contano per se stessi, ma nell’ultimo periodo con la nascita di tante Fanpage senza senso, l’obiettivo originario poteva essere venuto a mancare.

Perché cambia l’algoritmo Facebook?

Il focus principale del team Facebook è che tutti gli utenti possano avere un’esperienza piacevole e totalizzante sulla piattaforma. Questo deriva dalle teorie base dell’ambiente sociale, in cui si permane più volentieri se si è a proprio agio e se l’interesse è continuamente alimentato. Se sei in un locale, rimani più volentieri se ci sono i tuoi amici più interessanti o quelli noiosi? Ecco, la risposta è di facile intuizione.

Per far ciò, il team di Facebook ha proceduto con diversi aggiornamenti dell’algoritmo già da diverso tempo per focalizzare l’attenzione sui contenuti utili all’utente, si è proceduto infatti con:

Cosa comporta il nuovo algoritmo Facebook?

Indubbiamente hai già notato la differenza nel Feed, ci saranno diverse opzioni funzionali aggiuntive, ma tra le principali:

  • Vedere maggiormente i post di amici che ricevono interazioni
  • Vedere maggiormente i post di parenti che ricevono interazioni
  • Vedere maggiormente i post dei Gruppi a cui sei iscritto
  • Vedere sempre meno post pubblici delle Fanpage
  • Vedere maggiormente Facebook Live Video
  • Vedere sempre meno i post con CTA senza senso

Questo avviene perché il ranking di gruppo possa permettere la vera interazione significativa tra le persone, come la richiesta di consigli da parte di un amico per un ristorante o per il viaggio in un luogo.

Creare un Feed migliore per ognuno di noi permette di avere il primo strumento di comunicazione interagente, lontano dai mezzi di comunicazione di massa tradizionali come stampa, radio e tv che ci vedevano passivi di fronte a una notizia.

Evanescenza Facebook

Perché cambia la visualizzazione del Feed Facebook?

Il Feed è limitato, per forza di cose, non si possono mostrate tutti gli aggiornamenti delle Pagine che seguiamo o dei contatti che abbiamo in rete. Ci deve essere una discriminante, data:

  • Per i contatti: dalla frequenza e dalla continuità delle interazioni
  • Per le Fanpage: dall’investimento in advertising

Per quest’ultime si potrà assistere a diminuzioni di copertura, visualizzazione dei video e traffico su siti. Inutile dire che Facebook è uno strumento di comunicazione potentissimo e come tale va pagato se persegui obiettivi business, qualora tu avessi necessità di passare in uno spot televisivo pagheresti? Ecco, è la stessa identica cosa, con il valore aggiunto che Facebook ti offre un pubblico targhetizzato per interessi, anagrafica e porzione di territorio, vuoi rendere grazie per questo servizio?

Come puoi reagire all’aggiornamento dell’algoritmo Facebook?

Esistono due diversi modi di reagire all’aggiornamento, il primo indubbiamente considera sconforto e panico, se sei un social media manager con poco budget perché il piccolo negozio di cui gestisci la Fanpage è già in crisi nera, sicuramente non sarai felice. In un confronto qualche giorno fa su Facebook, un mio contatto mi ha scritto che anche le piccole attività devono avere la possibilità di raccontare la loro storia, fare storytelling. Cosa significa fare Storytelling se non perseguire obiettivi business, raccontando la propria storia? Gli obiettivi business presuppongono un budget da investire, punto.

Bicicletta

I tool di analisi devono essere gratuiti, i tool di editing foto pure, la Fanpage può essere gestita da chiunque, i tool di editing video idem, l’advertising non si fa “Perché devo investire in Facebook?”. Diciamo che tutto ciò porta a un’arretratezza culturale non indifferente, che ancora non permette il passaggio verso una società alfabetizzata digitalmente.

Le possibili soluzioni sono:

  • Consigliare le persone a scegliere “Visualizza per prima” nelle preferenze del Feed Notizie;
  • Assicurarsi uno spazio proprio dove poter raccontare la propria storia aziendale se non si ha il budget adeguato per vivere i social in ottica business, considerano che anche questo avrà dei costi come creazione sito, mantenimento e manutenzione, SEO e SEM, blogger e AdWords
  • Investire in Facebook per raggiungere il target di utenti che interessano alla propria storia aziendale.
  • Investire in personal branding
  • Non lamentarsi di continuo, cercare un’alternativa e un’opzione ai mutamenti degli strumenti che utilizzi.
  • Imparare a lavorare in ottica di Comunicazione Integrata.
  • Pagare per ciò che si vuole sfruttare in ottica business.
Newsletter

Monia Taglienti

Monia Taglienti

Nasco con le parole nella testa e continuo con le parole tra le mani. La Laurea in Comunicazione è stata solo il punto di avvio di un amore destinato a non finire mai. Social Media Manager, Web Content Writer, Social Media Strategist e Social Media FoodMarketer.
Monia Taglienti
Post by Monia Taglienti

Nasco con le parole nella testa e continuo con le parole tra le mani. La Laurea in Comunicazione è stata solo il punto di avvio di un amore destinato a non finire mai. Social Media Manager, Web Content Writer, Social Media Strategist e Social Media Food Marketer.

5 Responses to Algoritmo Facebook: Cosa cambia e perché non devi preoccuparti?

  1. Pingback: Contest su Facebook: ottima modalità per engagement e lead generation

  2. Pingback: Quali metriche Facebook verranno rimosse?

  3. Pingback: News Feed Facebook: quali contenuti scrivere per Facebook?

  4. Pingback: Facebook Privacy Center: cos'è e come funziona?

  5. Pingback: Facebook Marketing Pro: digital marketing a Nettuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *